area riservata
area riservata
cerca nel sito
motore di ricerca

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

interventi per soggetti fragili e le loro famiglie
notizia pubblicata in data : giovedì 10 aprile 2014

Le novità sono le seguenti.

 

  1. Le persone fragili, che non sono più in grado di rimanere al domicilio ma che hanno ancora un sufficiente livello di autonomia, possono usufruire del servizio denominato “residenzialità leggera”, vale a dire che possono essere accolti in strutture abitative dove, accanto a servizi comuni di carattere generale, possono contare su un ambiente controllato e protetto. Per queste persone è previsto un voucher mensile, rilasciato dalla ASL, corrispondente a 12 euro al giorno.
  2. Per i minori con gravissime disabilità non assistibili al domicilio, che necessitano di interventi continui nell’arco delle 24 ore, sono previsti posti letto in strutture dedicate, con una presa in carico integrata del minore e della famiglia,  e l’offerta  anche prestazioni psicologiche per permettere alla famiglia di meglio affrontare la situazione. Il voucher mensile individuato corrisponde a 115 euro al giorno.
  3. Le Residenze Sanitario Assistenziali (RSA) per anziani e le Residenze Sanitarie per Disabili (RSD) si “aprono” al territorio mettendo a disposizione delle persone con demenza, anche di tipo Alzheimer, e le loro famiglie: interventi medico specialistici (geriatra, neurologo psicologo), addestramento dell'assistente/badante della persona, o del familiare accudente, “ricovero” durante il giorno, ricovero di sollievo,  sostituzione del familiare/badante per alcune ore,…Il servizio è stato definito “RSA/RSD aperta”. A queste persone viene riservato un voucher mensile di € 500 per la durata massima di 6 mesi. L’obiettivo è permettere anche a queste persone fragili di rimanere presso il domicilio e nel proprio contesto di vita il più a lungo possibile, sostenendo i familiari nel gravoso lavoro di cura.
  4. I soggetti affetti da gioco d’azzardo patologico potranno contare su percorsi psicodiagnostici, consulenza sanitaria, trattamenti psicologici individuali e/o di gruppo e tutoraggio economico. Per queste persone è previsto un voucher di € 200 mensili per l’acquisto di prestazioni ambulatoriali a seconda del bisogno, sulla base del tariffario vigente. Le prestazioni potranno essere fornite dai Servizi territoriali per le dipendenze (Sert) e dai servizi multidisciplinari integrati (SMI).

Le persone che richiedono questi nuovi servizi sono “valutate” dalla ASL, che provvede alla stesura del Progetto Individuale di assistenza, in accordo con l’interessato e la sua famiglia.

Le prestazioni previste dal Progetto saranno assicurate da enti gestori di servizi sociosanitari, che si sono “candidati” per svolgere queste attività, che sono stati opportunamente “valutati” dalla ASL e, superata la “verifica”, inseriti in elenchi da cui il cittadino potrà scegliere da chi farsi assistere.

Gli elenchi degli erogatori, suddivisi per simgola misura, sono riportati in allegato a questa pagina.

Per l'attivazione dellla "residenzialità leggera" e della RSA/RSD aperta" è possibile rivolgersi ai Punti ADI distrettuali.

Infine, i minori accolti presso le strutture residenziali a seguito di provvedimento di allontanamento dal nucleo familiare di origine disposto dall’Autorità giudiziaria minorile, per motivazioni riconducibili a fenomeni di abuso, violenza e/o maltrattamento potranno ricevere dalle comunità: sostegno psicologico, psicoterapeutico, sociale, educativo e tutelare, accompagnamento e consulenza specialistica nelle fasi processuali. Per queste prestazioni, alle strutture sarà riconosciuto un contributo di 35 euro al giorno.

 

 

Altri interventi sono riservati a:

  • alle famiglie con la presenza di persone con disabilità, con particolare riguardo ai disturbi pervasivi dello sviluppo e dello spettro autistico. Sono previsti informazione, orientamento e accompagnamento della famiglia e della persona con disabilità, consulenza alle famiglie ed agli operatori della rete dei servizi territoriali, sociali e sociosanitari, per la disabilità, sostegno alle relazioni familiari,…;
  • alle persone con disabilità gravissima (buono mensile: informazioni dettagliate al riguardo sono reperibili a questo link).

 

Per informazioni è possibile rivolgersi al

Centro Informazioni e Relazioni con il Pubblico

(CIRP)

848 800507

cupson@aslmi2.it

 

L’operatore del CIRP prenderà in carico la richiesta, fornendo i chiarimenti necessari e mettendo in contatto il cittadino con i servizi dedicati.

 



ultimo aggiornamento in data: 10/04/2014